martedì 22 agosto 2017

Il banchiere assassinato - Augusto De Angelis



Il banchiere assassinato

Diciamo che il giallo lascia il tempo che trova. 
E' più un dramma da camera.
Il tono generale è parecchio cupo, i poliziotti sembrano protagonisti di un dramma di Ibsen, i discorsi sempre sopra le righe.
Conservavo un buon ricordo della versione televisiva con Paolo Stoppa nei panni del commissario, chissà a rivederla ora.

lunedì 21 agosto 2017

Noi - Yevgeny Zamyatin


Noi

Molto difficile da leggere: uno stile freddo e, al tempo stesso, surrealista.
Non riesco ad immedesimarmi con il protagonista, a comprendere il suo percorso.
Letto oggi, in effetti, dopo il più celebre 1984 che davvero strazia e rappresenta una dittatura a suo modo realistica, dice poco.
Non sorprende che sia così poco conosciuto, pur essendo stato l'inventore del genere: tutti, Huxley, Orwel, Rand ... tutti gli devono tutto, ma a parte questo, francamente non riesco a trovargli alcun merito letterario.

Disegno n° 0053


venerdì 18 agosto 2017

L'uomo duplicato


L'uomo duplicato - J. Saramago


La storia è molto più che bella.
Lo stile dell'autore è quasi insopportabile, anche se il distacco del narratore, n alcune occasioni, serve a rendere la vicenda ancora più assurda e, nel contempo, realistica.
Aver visto prima il film aiuta a reggere le pagine più irritanti.
La storia nel film e nel libro ha delle differenze, ovvio, ma resta affascinante in entrambe le soluzioni.
Avrebbe facilmente meritato cinque stelle fosse stata scritta diversamente :)

mercoledì 16 agosto 2017

Il piacere


https://www.goodreads.com/review/show/2081131755

Estenuante!
Splendido personaggio principale e l'ambiente in cui si muove: frivoli e volgari nella loro pretesa di "spiritualità" "eleganza" "raffinatezza".
Meraviglioso il finale.
I personaggi sono ben delineati, ricchi di sfumature.
Però il linguaggio è troppo carico!
Non si può leggere tutto di un fiato, ogni tot pagine occorre far riposare la mente.